Tratto da change.org

E’ stata lanciata la scorsa settimana, da una studentessa dell’ateneo di Palermo, una petizione per richiedere il prolungamento degli orari di apertura delle biblioteche d’ateneo (Palermo), l’associazione studentesca Vivere ateneo appoggia in pieno la causa ribadendo ancora una volta che tutti gli studenti debbano usufruire degli spazi che l’Università degli Studi di Palermo dispone.

La studentessa, Paola Giammanco, sul sito change.org lancia una petizione diretta al Rettore uscente Roberto Lagalla e al neo Rettore Fabrizio Micari.
“Gli studenti di tutte le scuole dell’ateneo Palermitano (siano essi pendolari, fuori sede o residenti da sempre nella nostra città), dovrebbero poter usufruire degli spazi pubblici adibiti biblioteche, anche in orario serale. La maggior parte delle università Italiane offre questo servizio ai suoi studenti, consentendo l’accesso alle strutture sopra citate fino alle 22.00 durante il periodo delle lezioni, e fino all’una di notte in periodo d’esami (gennaio-febbraio/giugno-luglio/settembre). Le biblioteche di UniPa, chiudono in media alle 17 da lunedì a giovedì, alle 14 il venerdì per poi rimanere chiuse nel weekend; questi orari non sono favorevoli agli studenti, che si ritrovano a dover abbandonare lo studio a metà pomeriggio. É per questo che chiediamo al magnifico rettore uscente, ed a quello entrante, di approvare nuovi orari di apertura per tutte le biblioteche di ateneo: 8.00-22.00 lun-ven 8.00-14 sab”.
Queste sono le parole scritte dalla studentessa, che già ad una settimana di distanza ha raggiunto 990 sostenitori.

Per poter firmare anche tu la petizione clicca qui.